Caterina da Siena

La mia natura è fuoco (1347 - 1380)
Dottore della Chiesa

Commemorazione: 29 aprile
Nome originario Caterina Benincasa

Caterina nacque a Siena, in Italia, il 25 marzo 1347. Era la 25a dei 26 figli di Giacomo di Benincasa e Lapa Piagenti. Cominciò ad avere esperienze mistiche quando poteva vedere gli angeli custodi con la stessa chiarezza con cui poteva vedere le persone che stavano proteggendo da quando era una bambina. A partire da quando aveva solo circa sei anni, Caterina amava uscire in luoghi tranquilli per pregare e parlare con Dio. Ebbe una visione di Nostro Signore presso la chiesa dei Frati Predicatori in Valle Piatta. Nella visione, Nostro Signore era vestito con abiti pontifici con una tiara in cima al capo e sedeva su un trono circondato dai santi Pietro, Paolo e Giovanni Evangelista. A soli sette anni fece voto di verginità. Quando aveva 15 anni, ha rifiutato il piano dei suoi genitori per il suo matrimonio. All'età di sedici anni Caterina ottenne l'ammissione al Terz'Ordine di San Domenico, le Mantellate, donne che erano affiliate all'Ordine di San Domenico e indossavano l'abito ma vivevano nelle proprie case, servendo i bisogni dei poveri e dei malati sotto la direzione di una priora e, infine, sotto la direzione dei frati. Da allora in poi per tre anni non lasciò mai la sua stanza, se non per andare a messa ea confessarsi, e non parlò con nessuno tranne il suo confessore e non uscì mai se non nella vicina chiesa di S. Domenico, dove è il pilastro a cui era solita appoggiarsi ancora segnalato ai visitatori.

Il martedì grasso del 1366, mentre i cittadini senesi celebravano il carnevale, e Caterina pregava nella sua stanza, una visione, quella che nelle sue lettere descrisse come un 'Matrimonio mistico' con Gesù Cristo. Apparve Gesù, accompagnato da sua madre e dall'ostia celeste. Prendendo la mano della fanciulla, la Madonna la porse a Cristo, che vi pose sopra un anello e la sposò a Sé, invitandola ad essere di buon coraggio, poiché ora era armata di una fede che poteva vincere tutte le tentazioni. mondo, e cominciò a servire Cristo nei malati, poveri e ignoranti. Molte persone erano attratte da lei dal suo fascino, calma e saggezza. Ha servito i poveri, i malati e ha pregato per la conversione dei peccatori. Trascorre ancora molto tempo in preghiera. Nonostante le persecuzioni del clero locale e di altri, iniziò a radunare discepoli. Durante l'estate del 1370 ricevette una serie di manifestazioni speciali dei misteri divini, che culminò in una trance prolungata, una specie di morte mistica, in cui ebbe una visione dell'inferno, del purgatorio e del paradiso, e udì un comando divino di andarsene sua cella ed entrare nella vita pubblica del mondo.

Cominciò a spedire lettere a uomini e donne in ogni condizione di vita. Le sue lettere assertive e conflittuali a vescovi e papi, nonché il suo impegno nel servizio diretto ai malati e ai poveri, hanno reso Caterina un modello per una spiritualità più mondana e attiva. Tra il 1374 e il 1378, Caterina fu chiamata ad esercitare un'ampia influenza negli affari pubblici. La Repubblica di Firenze, in contrasto con papa Gregorio XI, la mandò a visitare il papa ad Avignone, in Francia, per fare pace tra Firenze e lo stato pontificio. Ella fallì in tale compito, ma ebbe più successo nell'invitare il Papa, il quale, come molti dei suoi predecessori avevano vissuto in Francia, a tornare nella sua propria residenza, Roma. Fu durante questi anni che ottenne la sua più ampia influenza. Ebbe una fitta corrispondenza con papa Gregorio XI, chiedendogli anche di riformare il clero e l'amministrazione dello Stato Pontificio.

Mentre a Pisa nel 1375 ricevette le Stimmate, cinque ferite mistiche profondamente incise nelle sue mani, piedi e cuore, ma pregò che fossero nascoste agli occhi umani. Nel giugno del 1376 si recò lei stessa ad Avignone come ambasciatrice di Firenze per fare pace con lo Stato Pontificio, ma senza successo. Ella impressionò così tanto il Papa, che nel gennaio del 1377 restituì la sua amministrazione a Roma. L'anno 1377 fu dedicato principalmente ai lavori di riforma delle campagne intorno a Siena, ed è in questo periodo che Caterina imparò miracolosamente a scrivere . C'è da stupirsi che le opere di Caterina da Siena si collochino tra i classici del Trecento. Nessuno ha mai messo in dubbio la bellezza dello stile toscano nei “Dialoghi”, nelle “Preghiere” o nella raccolta di quasi quattrocento lettere ancora esistenti. Nel Grande Scisma del 1378 fu aderente di papa Urbano VI, che la convocò a Roma dove visse fino alla morte nel 1380. I racconti della sua vita raccolti dai suoi seguaci furono usati in una biografia dal suo confessore, Fra Raimondo da Capua (1398). Le sue lettere sono considerate una delle grandi opere della prima letteratura toscana.

Caterina morì il 29 aprile 1380 a Roma, Italië, per una misteriosa e dolorosa malattia sopravvenuta senza preavviso e mai adeguatamente diagnosticata. Aveva trentatré anni. Circa cinquant'anni dopo la sua morte, il suo corpo fu trovato incorrotto. Papa Pio II canonizzò Caterina nel 1461. La sua festa è il 29 aprile. Nel 1866 divenne compatrona di Roma. Dal 1939 è patrona d'Italia insieme a Francesco d'Assisi. Di tutte le stelle spirituali, Caterina da Siena è una delle più grandi. Caterina fu dichiarata Dottore della Chiesa il 4 ottobre 1970 da papa Paolo VI. Inoltre ha ottenuto il titolo di co-patronato d'Europa da Giovanni Paolo II nel 1999.

Mecenatismo:

Contro il fuoco, malattie fisiche, Europa, Italia, prevenzione incendi, vigili del fuoco, malattia, Italia, aborti spontanei, infermieri, tentazione sessuale, malattia, Siena Italia.

Rappresentazione:

Croce, corona di spine, cuore, giglio, anello, stimmate.

Donne Sante: Dottori della Chiesa:

- Caterina da Siena
- Teresa d'Avila
- Teresa di Lisieux

Preghiere di Santa Caterina da Siena

O sposa del Cristo, fiore della patria nostra. Angelo della Chiesa sii benedetta.
Tu amasti le anime redente dal Divino tuo Sposo: come Lui spargesti lacrime sulla Patria diletta; per la Chiesa e per il Papa consumasti la fiamma di tua vita.
Quando la peste mieteva vittime ed infuriava la discordia, tu passavi Angelo buono di Carità e di pace.
Contro il disordine morale, che ovunque regnava, chiamasti virilmente a raccolta la buona volontà di tutti i fedeli.
Morente tu invocasti sopra le anime, sopra l'Italia e l'Europa, sopra la Chiesa il Sangue prezioso dell'Agnello.
O Caterina Santa, dolce sorella patrona Nostra, vinci l'errore, custodisci la fede, infiamma, raduna le anime intorno al Pastore.
La Patria nostra, benedetta da Dio, eletta da Cristo, sia per la tua intercessione vera immagine della Celeste nella carità nella prosperità, nella pace.
Per te la Chiesa si estenda quanto il Salvatore ha desiderato, per te il Pontefice sia amato e cercato come il Padre il consigliere di tutti.
E le anime nostre siano per te illuminate, fedeli al dovere verso L'Italia, l'Europa e verso la Chiesa, tese sempre verso il cielo, ne Regno di Dio dove il Padre, il Verbo il Divino amore irradiano sopra ogni spirito eterna luce, perfetta letizia.
Amen.