Santa Maria Goretti

 

Vergine e Martire

 

Memoria: 6 luglio

Maria Teresa Goretti (Corinaldo, 16 ottobre 1890 – Nettuno, 6 luglio 1902) è venerata come santa e martire dalla Chiesa cattolica. Vittima di omicidio a seguito di un tentativo di stupro da parte di un vicino di casa, fu canonizzata nel 1950 da papa Pio XII.

L'infanzia

La famiglia Goretti, originaria di Corinaldo nelle Marche, era composta dai coniugi Luigi Goretti e Assunta Carlini, entrambi coltivatori diretti, e dai loro sei figli (un settimo figlio, il primogenito, morì a pochi mesi). La vita della giovane Maria, fino al suo omicidio, non fu diversa da quella dei figli di molti lavoratori agricoli che dovettero lasciare le proprie terre per cercare sostentamento altrove: analfabetismo, denutrizione, lavoro pesante fin dall'infanzia. Maria, deceduta a 11 anni, era alta 1,38 m e, secondo il referto autoptico, appariva vistosamente sottopeso e presentava sintomi di malaria in fase avanzata.

L'omicidio

I Goretti, in cerca di una migliore occupazione, si trasferirono dapprima a Paliano (nei pressi di Anagni), e in seguito alle Ferriere di Conca, oggi frazione di Latina ma all'epoca compreso nel territorio comunale di Cisterna di Roma (l'attuale Cisterna di Latina), in provincia di Roma, assieme ai Serenelli: una famiglia amica. Nel 1900, Luigi Goretti morì di malaria e la collaborazione coi Serenelli, anch'essi in difficoltà, si fece ancora più stretta.

saintm09.jpg (14533 bytes)Alessandro, secondogenito dei Serenelli, tentò diversi approcci di natura sessuale nei confronti dell'undicenne, che raggiunsero il culmine nell'estate del 1902: il 5 luglio, con la scusa di farsi rammendare dei vestiti, Alessandro attirò Maria in casa e tentò di violentarla. Di fronte alle grida e ai tentativi di difendersi, la ferì più volte con un punteruolo. Al processo, confermando quanto detto ai carabinieri immediatamente dopo l'arresto, Serenelli confessò di aver preparato l'arma e di aver deciso di usarla qualora la bambina gli avesse opposto resistenza. Confessò inoltre che la decisione di uccidere Maria era stata in parte motivata dal desiderio di fuggire dalla vita intollerabile nei campi, nella convinzione che la vita in carcere fosse preferibile. È molto probabile che il giovane Alessandro, proveniente da una famiglia in cui numerosi membri avevano dato segni di squilibrio mentale e figlio di un padre alcolista, fosse in realtà impotente e abbia ferito mortalmente la sfortunata vittima una volta resosi conto di non riuscire a mettere in atto lo stupro. Maria, ancora cosciente, venne trasportata all'ospedale Orsenigo di Nettuno; la morte sopravvenne il giorno successivo per una setticemia conseguente a un intervento chirurgico.

Le esequie vennero celebrate l'8 luglio 1902 nella cappella dell'ospedale, e il corpo della bambina tumulato nel cimitero comunale.

Il culto

Santuario di Nostra signora delle Grazie e di Santa Maria Goretti, a Nettuno. urna con i resti della sante

Già durante il Fascismo la devozione per Maria Goretti si diffuse tra gli strati più umili della popolazione, in particolare quelli rurali, appartenenti allo stesso mondo in cui la piccola martire era cresciuta. Lo stesso regime cercò di cavalcare la devozione popolare per favorire la nascita di un'icona cara ai contadini. Anche dopo la caduta del fascismo e della monarchia sabauda, negli anni cinquanta, l'immagine di Maria Goretti rimase popolare anche presso i non cattolici, al punto che il giovane dirigente comunista Enrico Berlinguer indicò nel coraggio e nella tenacia della piccola santa un esempio da imitare per le giovani militanti comuniste. A partire dagli anni settanta, in periodo di affermazione del femminismo, la figura di Maria Goretti perse gradualmente popolarità, in quanto ritenuta dai non cattolici troppo legata a una visione tradizionale della donna, casta, votata alla maternità e al lavoro domestico.

gorett1.jpg (15297 bytes)L'11 dicembre 1949 la Congregazione delle Cause dei Santi riconobbe come miracolose due guarigioni attribuite all'intercessione di Maria Goretti: quella di Giuseppe Cupe (8 maggio 1947) e quella di Anna Grossi Musumarra da pleurite (11 maggio dello stesso anno). La canonizzazione avvenne sotto il pontificato di Pio XII, il 24 giugno 1950. Per la prima volta, nella millenaria storia della Chiesa, la cerimonia si svolse all'aperto in piazza San Pietro a Città del Vaticano, e vide la partecipazione anche della madre di Maria Goretti. Il giorno di commemorazione istituito fu il 6 luglio, anniversario della morte della Goretti. Secondo l'agiografia, la motivazione della proclamazione della sua santità furono in primo luogo il perdono concesso al suo uccisore che Maria effettuò poco prima di morire, perdono che condusse alla conversione di Alessandro Serenelli e poi alla decisione di entrare in convento dopo aver scontato 30 anni di carcere e, in secondo luogo, il proposito fatto a 11 anni, al momento di ricevere la prima comunione «di morire prima di commettere dei peccati».

Il corpo e le reliquie di Maria Goretti sono conservati a Nettuno, nel Santuario di Nostra signora delle Grazie e di Santa Maria Goretti e a Corinaldo, in provincia d'Ancona, dove è visitabile anche la sua casa natale. Non esistono sue fotografie e i ritratti visibili sono di fantasia o realizzati secondo le indicazioni dei parenti.

Il pentimento dell'assassino

Alessandro Serenelli fu condannato a 30 anni di reclusione. Nel carcere giudiziario di Noto, dal 1902 al 1918, incoraggiato dal vescovo di Noto del tempo, Giovanni Blandini, maturò il pentimento e la conversione alla religione cattolica. Anni dopo Serenelli avrebbe raccontato di aver tentato una riconciliazione con la famiglia e la religione in seguito a un sogno in cui la sua vittima gli offriva dei gigli che si trasformavano in fiammelle. Nel 1929, dopo 27 anni di reclusione, Serenelli fu scarcerato in anticipo per buona condotta e chiese il perdono dei familiari di Maria Goretti. La madre glielo accordò. Dopo tale episodio, Serenelli trascorse il resto della sua vita come giardiniere e portinaio in un convento di cappuccini a Macerata dove morì il 6 maggio 1970, a 88 anni, per le conseguenze di una frattura del femore provocata da una caduta.
Protettrice delle vittime di stupro

Attualmente, secondo un'antica idea di papa Benedetto XVI ora valutata da papa Francesco, si sta pensando di associare Maria Goretti a santa Dinfna come protettrice delle vittime di stupro. La vicenda di Dinfna, martire irlandese morta in Belgio nel VII secolo, è analoga a quella di Maria Goretti e santa Scorese. Si sta pensando di associare a loro, come protettore delle vittime di abusi, anche il vescovo olandese Frans Schraven (1873-1937), martire in Cina per essersi rifiutato di consegnare 200 ragazzine agli invasori giapponesi che chiesero "donne di conforto".

 

   

Preghiera a Santa Maria Goretti

 

Vergine e martire della purezza,
o Maria Goretti,
piccola fanciulla della Cascina Antica
tu che godi della visione beatifica di Dio
contempli in eterno la bellezza del Paradiso,
proteggi i bambini di questo nuovo millennio,
soggetti a tante forme di offesa e violenza.

Illumina la mente ed il cuore dei genitori,
nella cui casa è stato accolto un bambino,
perché il loro essere ed operare,
sia sempre più ispirato all'autentico amore,
con l'educare i loro figli al rispetto del pudore.

Guida coloro che hanno responsabilità civili
a intraprendere la giusta strada
che conduce alla civiltà dell'amore
ponendosi dalla parte di coloro che non contano
soprattutto se poveri ed indifesi come i piccoli e gli adolescenti.

Sostieni l'impegno educativo di coloro
che operano nel settore formativo.
La loro azione sia benefica
confronti dei piccoli e degli adolescenti
affidati alle loro cure ed attenzioni di docenti.

Allontana dal mondo i mostri del nuovo millennio
che suscitano nella loro mente distorta
solo progetti di violenza e di morte.

Con il tuo patrocinio, presso Dio,
invoca all'umana società un tempo di pace e di serenità.

Con la tua potente intercessione,
presso la Santissima Trinità
blocca l'azione devastante su un piano morale
di quanti propagandano immagini oscene,
in ogni settore dell'umana convivenza
che distruggono nei bambini la semplicità e l'innocenza.

Fa sorgere nel mondo intero
e soprattutto tra i giovani
una nuova ondata di autentica purezza
dei sentimenti,
affinché sappiano coniugare l'apertura al nuovo,
con il rispetto della persona fragile ed innocente.

Te lo chiediamo per Cristo nostro Signore,
che vive e regna nei secoli dei secoli.
Amen

 

 

Fonte:

https://it.wikipedia.org/wiki/Maria_Goretti

 

 

- Fondazione Marypages -

La nostra fondazione ha lo scopo di sviluppare, espandare e mantenere il sito web Marypages per promuovere la religione Cattolico Romana e particolarmente la devozione per la nostra beata Madre, Vergine Maria.
Con il tuo supporto finanziario, renderai questo possibile.
Marypages puo’ sopravvivere solo con il tuo aiuto!
Puoi diventare donatore della nostra fondazione donando minimo 20 euro all’anno. Noi ti offriamo:
·       La nostra Newsletter (1 volta all’anno)
·       Una miracolosa medaglia con spiegazione della sua forma.
Se la tua donazione e’ 50 euro o superiore, riceverai anche un magnifico rosario da Lourdes. Nel rosario c’e’ un poco dell’acqua benedetta della fonte di Lourdes.
Ogni altra entrata extra verra’ destinana a progetti caritativi in base al credo cattolico. Siamo registrati alla Camera di Commercio del Flevoland, numero 39100629.

Per fare una donazione, clicca il bottone sottostante.
Che Dio ti benedica.

ONLINE DONATION

 

Torna indietro al Menu principale

 

 

Per favore sii cosi’ gentile da compilare il mio Libro degli Ospiti
Grazie e che Dio ti benedica!

 

Leo's Gastenboek

 

Email:

 

 

Visitatori:



Ultimo aggiornamento: 5 settembre 2015.